.104

1.120,00

Un rimando ad un vecchio mestiere, un artigiano in grado di dare speranza e nuova vita ad un piatto rotto.
Il cucipiatti nel secondo dopoguerra era considerato un eroe del popolo, la persona che con un trapano a
corda, un fil di ferro e una tenaglia riusciva a riparare quei pochi piatti, se non l’unico presente in casa.
Una vera e propria operazione di “cucitura” del piatto in argilla.
L’ idea, è quella di cucire due tipologie di materia, utilizzando la tecnica del cucipiatti facendo riferifento a
dei punti di cucitura classificati nel mondo della sartoria.
Il punto 104 è solitamente utilizzato per cuciture ornamentali grazie all’effetto molto simile all’aspetto del
punto a mano.
La porcellana di Capodimonte, la storia e la tradizione napoletana cucita al keep life materiale innovativo,
ecosotenibile e bio-ispirato generato dai gusci della frutta secca.
La legerezza della prima e l’aspetto più rude del secondo, mettono in risalto una caretteristica che
appartiene ad entrambi: è materia viva plasmata dall’uomo.
La collezione .104 si compone di due oggetti, e si sviluppa recuperando tutti quei pezzi che vengono scartati
per evidenti imperfezioni, che cuiciti tra loro hanno la possibilità di continuare il loro percorso vitale.
Progettata dal designer Pietro Petrillo, realizzata da Keep Life + Real Fabbrica di Capodimonte.

.104 alto : 100 x 80 x 250 mm
.104 basso : 180 x 100 x 180 mm

Categorie: ,